Collezionismo sa Lolla - clik.to/collezionismo - Il museo on line! Esponi gratis qui le tue collezioni.... Mercatino annunci gratuiti: inserisci i tuoi annunci di collezionismo, gratis!

Benvenuto nel portale interamente dedicato al collezionismo - - - - - clik.to/collezionismo - - - - -         www.globnet.it/collezionismo - - - - - - Webmaster: Claudia

 

Soldatini di Piombo

La passione per i soldatini da collezione si perde nel tempo: sono state trovate miniature di soldati in materiali come legno, bronzo, argilla, già nelle tombe dei faraoni, in quelle dei Romani e dei Greci.. addirittura dei Cinesi (anche se per le dimensioni non potevano certo dirsi a misura di bambino!).

Non solo giocattolo, ma anche simbolico accompagnamento per sepolture di sovrani, protezione simbolica da nemici incombenti, oggetto di culto.

Nel Medio Evo, erano il giocattolo favorito per i figli dei nobili: con modellini di legno ben congegnati si potevano inscenare dei tornei di cavalieri molto verosimili.

Soldatini di metalli preziosi, come oro e argento, furono poi il giocattolo che oggi si direbbe "educativo" i principini, da addestrare per tempo alla guerra. Nel XVII secolo, Luigi XIII, principe di Francia, pare ne possedesse 300, in argento. Questo stupendo insieme, ereditato da suo figlio (il futuro re Luigi XIV), fu in seguito ampliato, con truppe in numero tale da farlo somigliare ad un reale esercito, perfettamente idoneo a mimare i movimenti di vere battaglie.

Fino alla fine del XVIII secolo, i soldatini restarono un gioco da ricchi. Oggi si potrebbero  considerare l'alternativa maschile al gioco delle bambole, l'unica possibile strada concessa dalla rigida educazione di una volta ai bambini, che potevano in questo modo inventare mondi divisi fra buoni e cattivi, cavalieri su cavalli scalpitanti, nemici valorosi...tutti soggetti oggi riproposti in modo molto meno stimolante, per la fantasia di ciascun bambino, dai vari cartoni e telefilm di super-eroi.

Generalmente, erano fabbricati in metallo, ma non mancavano quelli in materiali meno resistenti e più accessibili, come legno, cera, sughero, addirittura un impasto duro di farina e zucchero. A proposito di questi soldatini commestibili, si racconta che lo zar Pietro III, da bambino, ne possedesse  una intera collezione, che però un brutto giorno venne in gran parte mangiato da un topo che venne quindi subito catturato e condannato a morte da una apposita corte marziale...

I primi soldatini di latta, prodotti nel '700 in Germania, erano figurine militari a due dimensioni (chiamate "flat") e servirono tra l'altro a promuovere la produzione anche di figurine in piombo a tema religioso.

Sono oggetto di collezione, non solo i soldatini di metallo, di piombo e i più recenti di plastica, ma anche quelli di carta e cartoncino.

 

 

Collezionismo Sa Lolla - Online dal 07/02/2001
Webmaster Claudia - Internet Projects 
www.globnet.it